Parodontite e poi impianti: scelta valida o sbagliata? Ecco la verità

Ti hanno detto che hai la parodontite e che la soluzione più giusta sono gli impianti? I tuoi denti naturali si muovono e non sai se tenerli o rimpiazzarli? Scopriamo insieme se l’inserimento degli impianti dopo la piorrea è una scelta valida o sbagliata.

Cos’è la parodontite

Una delle cause principali della perdita dei denti è senza dubbio la parodontite.

La parodontite, volgarmente detta piorrea, è una patologia che colpisce il parodonto, ovvero i tessuti di sostegno del dente.

Nell’immaginario collettivo è spesso associata all’immagine del tipico dente che si muove e viene perso senza alcun apparente motivo.

Ma come si arriva in un tempo così relativamente breve alla perdita del dente?

Come si manifesta

Banalmente, la causa della parodontite è l’accumulo di placca batterica sottogengivale.

L’infiammazione tissutale causata dai microbi associata alla liberazione delle loro tossine, determina la formazione di una “tasca virtuale” farcita di microbi, detta tasca parodontale.

paradontitetermolidentistacordiscofabio

Quando questa flogosi è confinata alla gengiva e non viene interessato l’apparato di attacco del dente, si ha la condizione nota come gengivite.
Qui le gengive appariranno rosse, gonfie, tendenti al sanguinamento e talvolta dolenti. 

Fortunatamente la gengivite è una patologia reversibile, ovvero rimossa la causa dell’infiammazione, la situazione torna esattamente come prima.
Di conseguenza grazie ad una semplice ablazione tartaro, istruzione all’igiene orale e a visite periodiche il problema viene allontanato.

Tuttavia, se la tasca si fa via via più profonda, verrà ad essere interessato il parodonto profondo, costituito da fibre parodontali che àncorano il cemento della radice al connettivo gengivale o all’osso alveolare.
A questo punto, non appena viene interessata e distrutta la prima fibra di attacco, siamo in parodontite.

parodontite termoli
parodontite termoli dentsta cordisco fabio

La piorrea ha però il carattere della irreversibilità: l’attacco perso non si può più recuperare spontaneamente, e i danni ottenuti resteranno tali.

Gli effetti principali che si possono realizzare man mano che il parodonto viene distrutto sono: 

  1. il dente perderà il proprio sostegno;
  2. vi sarà un riassorbimento osseo;
  3. l’elemento dentario risulterà ipermobile, soprattutto nelle fasi tardive;
  4. potrebbe verificarsi recessione gengivale, in particolare nei pazienti con biotipo sottile;
  5. potrebbero manifestarsi degli ascessi parodontali;
  6. il dente potrebbe spostarsi;
  7. in ultima analisi si può arrivare alla perdita del dente.
  8. Proprio per queste ragioni è fondamentale intercettare la parodontite il prima possibile.

parodontologiadentistatermolicordisco7

Quali cure?

Soluzioni tempestive

Spesso, una piccola recessione o una moderata mobilità dentale spaventa numerosi pazienti. Si pensa che quel dente sia destinato ad essere perso e che ormai il suo destino sia l’estrazione.

In realtà, il trattamento della parodontite non è sempre rappresentato dall’estrazione dei denti interessati, anzi.

La soluzione ideale certamente sarebbe intercettare il problema già nella fase di gengivite per evitare che il tutto evolva in parodontite.
Ricorrendo ad una detartrasi e a una corretta igiene orale è possibile risanare i tessuti gengivali.

Nel caso in cui il paziente fosse già in parodontite invece, è molto importante eseguire una diagnosi tempestiva.
La relativa terapia può essere eseguita sia con trattamenti non chirurgici che chirurgici a seconda della gravità della condizione.

Pertanto, è molto importante non perdere tempo e curare la parodontite in corso; consultando l’odontoiatra è infatti possibile avere buone probabilità di curare l’infiammazione e di conservare i denti interessati.

Soluzione tardiva: impianti dopo la piorrea

Al contrario, quando non si cura la parodontite in tempo l’infiammazione danneggia irreversibilmente i tessuti di supporto del denti, rendendoli irrecuperabili o addirittura causandone la caduta.

Il paziente qui si trova di fronte ad uno o più denti funzionalmente inutili che necessitano di essere rimpiazzati.

Una possibile tecnica di riabilitazione è rappresentata dall’implantologia, convenzionale o post-estrattiva immediata.

studio dentistico termoli
protesi su impianti termoli dentista cordisco fabio

In questo caso, si procede con la rimozione dei denti irrecuperabili e l’immediata o differita sostituzione con impianti dentali.

Un importante aspetto da valutare sarà la qualità e la quantità di osso presenti, in modo tale che gli impianti si possano osteointegrare tridimensionalmente nell’osso che li ospita.

Certamente, soprattutto in un paziente che desidera impianti dopo la piorrea, l’attenzione nei confronti dell’igiene e delle visite periodiche deve essere molto elevata; l’impianto perdona molto meno di un dente naturale. 

In conclusione, se hai la parodontite, la soluzione non è l’estrazione.
Il dente per quanto possibile deve sempre cercare di essere salvato.

Se l’elemento è giudicato irrecuperabile o addirittura l’hai già perso, una possibile soluzione è rappresentata dagli impianti dentali. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...